Gli Uffizi ripartono. Lentamente

Dopo 85 giorni di chiusura (e 12 milioni di incassi persi) riapre la Galleria fiorentina. Con numeri di visitatori ridotti a un decimo di prima ma visite qualitativamente migliori. “Saremo un modello per il turismo lento”, dice il direttore Schmidt.

Le mie pubblicazioni

La strana democrazia di Gilbert & George

Sulla Lettura in edicola questa settimana la mia presentazione dell’esposizione dedicata all’eccentrica coppia di artisti londinesi in corso a Casa Rusca a Locarno.

Storie

Genova, il ponte Morandi filmato da mio padre nel 1969

Dai super 8 di famiglia spunta una sequenza con il ponte genovese inaugurato due anni prima e poi crollato nel 2018. Mio padre: “Eravamo in gita, vidi il ponte e decisi di prendere la cinepresa. Chi l’aveva mai vista una struttura come quella?”.

Io, giovane cronista su una Graziella in autostrada

Il 30 luglio del 1997 ci fu un incidente aereo all’aeroporto di Firenze. Per me, reporter alle prime armi, una sola alternativa per raggiungere il luogo dell’impatto: pedalare sulla A11. E oggi, con le mille difficoltà del giornalismo, che cosa è rimasto dell’entusiasmo di allora per questa professione?

Idee

Vi regalo un mio racconto per questi giorni a casa

S’intitola L’Ombrello ed è un breve racconto che ho scritto tre anni fa, ispirandomi al quadro Le Pont de l’Europe del pittore impressionista francese Gustave Caillebotte. Lo potete scaricare gratuitamente in pdf qua.

edicola

Coronavirus e informazione: si torna alla carta?

C’è la sensazione che le persone cerchino informazioni sul virus tornando a comprare quotidiani cartacei. Una responsabilità per i giornalisti, una richiesta da parte dei lettori della necessità di informazione di qualità.

Reportage

Firenze, 71 giorni dopo

Quando è scattato il lockdown dell’Italia per il coronavirus ho realizzato un reportage fotografico per le strade di Firenze pubblicato poi su VanityFair.it. Adesso che la fase due ha permesso di muoversi liberamente, con la riapertura di negozi, bar e ristoranti, sono tornato per le strade del centro. Fotografando gli stessi punti di inizio marzo per vedere come la vita rianima le strade, anche se molto lentamente e con una nuova normalità, segnata da timori e da regole.

Marzo 2020: gli ultimi visitatori degli Uffizi

Cinque marzo 2020: sparuti visitatori si aggirano inaspettatamente da soli davanti alla Primavera o alla Venere del Botticelli. Capolavori di Tiziano o Caravaggio desolatamente soli. Preludio di quello che sarebbe successo da lì a poco.